introduzione di Lidia Di Lorenzo, ricette donate da Maria Laura Carrese

   In questa sezione presentiamo una selezione delle migliori ricette del nostro territorio, proposte dagli studenti della Scuola di Limatola, ricette che sono spesso una rivisitazione locale delle formule note.

Iniziamo con la cosiddetta Minestra maritata, un classico della cucina napoletana. La lunga tradizione nella conservazione della carne di maiale, lavorata dalle famiglie con sapienza antica, e la possibilità di avere verdure prodotte nei propri orti o raccolte direttamente nei campi hanno suggerito una revisione degli ingredienti e delle loro proporzioni. La minestra si dice maritata perché nella pentola avviene il matrimonio tra il salume e la verdura.

Le ricette che pubblicheremo sono state raccolte nell’anno scolastico 2004/2005 dagli alunni delle classi V della Scuola Elementare di Limatola capoluogo e frazioni, all’interno del progetto Dai sapori ai saperi, curato dai docenti; Maria Laura Carrese, Angelo Aragosa, Marisa Ievolella, Giuliana Di Lorenzo, Caterina Resso.

Il lavoro completo è stato messo a disposizione dell’Associazione dall’insegnante Maria Laura Carrese.


Minestra maritata

Le verdure

Broccoli                        g. 400

Broccoletti                    g. 300

Cavolo cappuccio         g. 450

Torzelle                         g. 400

Cicoria e scarolella       g. 800

Erbe aromatiche a volontà

Ingredienti per l’apparentamento (il matrimonio)

Osso di prosciutto             1

Lardo macinato             g. 150

Caciocavallo                 g. 100

Peperoncino forte    un pezzo

Tracchiolelle                 g. 200 

Carne di maiale fresca  g. 300

Esecuzione

Lavare le varie qualità di carne, porle in una pentola, ricoprirle con un dito di acqua e metterle a cuocere a fuoco moderato. Dopo circa due ore e mezzo di cottura, tagliare a pezzetti la carne, spolpare l’osso di prosciutto e aggiungerlo ai pezzetti di carne.

Mettere tutto in una pentola e lasciar raffreddare. Privare il brodo venuto a galla del grasso e rimetterlo sul fuoco. Prendere le verdure e farle cuocere aggiungendole al brodo, insieme al formaggio e al peperoncino. Portare a bollore per circa mezz’ora.

Alla fine della cottura aggiungere il sale a piacere.

Peperoni imbottiti

Ingredienti

Peperoni di tipo beneventano

Alici

Capperi

Noci

Parmigiano grattugiato

Aglio

Uova

Origano

Olio

Pane

Aceto

Preparazione

Svuotare i peperoni dei semi e preparare così l’impasto: prendere un pezzo di pane vecchio di due o tre giorni, prelevare la mollica e sbriciolarla.

Aggiungere poi alici sott’olio, aglio tagliato i pezzettini, capperi, origano, formaggio grattugiato, pezzetti di noci, un pizzico di sale, una goccia di aceto, e due uova per amalgamare il tutto. Riempire i peperoni con questo impasto e friggerli in padella, badando a cuocerli uniformemente, girandoli di tanto in tanto.

Si possono cuocere anche al forno.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *