(in foto: Le Piramidi del Volturno; Mesorinolo, anche detta Tumulo, e Monticello)

   Benvenuti sul sito dell’Associazione Giuseppe Aragosa ARS HISTORIAE!

L’Associazione, intitolata alla momoria del professor Giuseppe Aragosa di Limatola, ha come principale obiettivo la difesa della Memoria, la promozione, e la valorizzazione del Patrimonio Storico e Culturale del Territorio compreso tra la Provincia di Benevento e la Provincia di Caserta, che, interessato dal passaggio del fiume Volturno, va sotto il nome di Medio Volturno.

L’Associazione si propone di realizzare una serie di Attività, Eventi e Progetti,  sul Territorio di Limatola e oltre i confini territoriali del Paese, per assicurare alle finalità, per le quali è stata costituita, azione e concretezza.

   Il Premio Giuseppe Aragosa è l’attività di maggiore importanza, perché assume rilevanza nazionale; ma intorno al premio si andranno ad articolare tante iniziative collaterali di corollario e di supporto, che servono a strutturare l’iniziativa e a renderne evidenti i contenuti.

IN PRIMO PIANO

Il Premio Giuseppe Aragosa è tornato, nella nuova edizione 2021-2022.

vai alla Pagina del Premio per maggiori dettagli e per conoscere le date di consegna degli elaborati

Patrocinio UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE

L'Associazione è lieta di poter comunicare a tutti che il Premio Giuseppe Aragosa Sezione Scuola Seconda Edizione ha ottenuto il Patrocino e l'Autorizzazione all'utilizzo del Logo dall'UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA, che ha riconfermato la sua fiducia.
La partecipazione al Premio, da parte degli studenti delle Scuole di ogni ordine e grado, è gratuita! La locandina del Premio sarà diffusa, tramite l'Ufficio, alle Scuole di ogni ordine e grado della Campania. Siamo felicissimi di questo successo, che è anche una grandissima responsabilità nei confonti dello nostro stesso impegno e del Ministero, che ci ha accordato il Patrocinio, ritenendo il nostro lavoro meritevole di attenzione e fiducia.
Limatola, 9 Giugno 2021

LE NOSTRE PUBBLICAZIONI

  Cari amici, nonostante il tempo di questa strana esistenza limitata, noi continuiamo a lavorare per la nostra Storia. Abbiamo pubblicato il secondo quaderno dell’Associazione, Le Statistiche Murattiane di Grazzanise, Sant’andrea del Pizzone e Mondragone, a cura di Lidia Di Lorenzo, introduzione di Nicola Santacroce.

Dal libro, la presentazione del Presidente dell’associazione, Angela Ottavia Aragosa:

 L’Associazione culturale “Giuseppe Aragosa Ars Historiae”, che ha tra i fini statutari la promozione della ricerca storica, attraverso la raccolta e l’analisi di fonti archivistiche e documentarie locali, amplia con questo Secondo Quaderno il suo raggio di azione, seguendo il corso del fiume Volturno, che, venerato dagli antichi come un Dio, accomuna nella storia i popoli della sua valle.

         Lidia Di Lorenzo, in continuità con il Primo Quaderno, in cui ha preso in esame i manoscritti elaborati per la Statistica murattiana di Limatola e (Castel) Morrone, analizza in questo saggio i documenti di Grazzanise, S. Andrea del Pizzone e Mondragone, conservati anch’essi nell’Archivio della Biblioteca del Museo Campano di Capua. Furono redatti, come per tutto il Mezzogiorno del Regno di Napoli, a partire dal 1811, per ordine del re Gioacchino Murat, al fine di conoscerne la conformazione fisica, l’idrografia, l’ambiente umano, il clima, le colture, le attività manifatturiere, le risorse naturali ivi esistenti e la possibilità del loro utilizzo da parte degli abitanti. Lo scopo precipuo fu quello di poter apportare al territorio dei miglioramenti agrari ed ambientali idonei ad elevare il tenore di vita della popolazione, secondo i principi di libertà, di uguaglianza e fratellanza dell’Età dei lumi, principi che erano stati alla base della Rivoluzione Francese, e che erano penetrati ampiamente nella cultura napoletana. Si ricordino la Congiura del 1794 e il movimento rivoluzionario del 1799, come evidenziato da Nicola Santacroce. Considerati gli scarsi mezzi tecnici di cui gli estensori delle rilevazioni disponevano e i limitati stanziamenti economici impegnati, gli elaborati appaiono oggi sommari e schematici, tuttavia danno una visione realistica della situazione dei luoghi in quel momento storico.

Gli autori dei manoscritti presi in esame nel presente volume, nell’ordine Paolo Vitolo, Alessio Benedetta e Michele Fusco, forniscono, tuttavia, una descrizione del proprio territorio abbastanza attenta e puntuale, soffermandosi sulle sofferenze del proprio ambiente di vita, dovute alla presenza di zone acquitrinose, all’insalubrità dell’aria, alla limitatezza delle risorse naturali, alla precarietà della già scarsa produzione, conseguente alle frequenti devastanti esondazioni dei corsi d’acqua e al graduale e doloroso spopolamento della regione. Emerge l’abbandono in cui era stata lasciata la zona da secoli, per i rari progetti di bonifica mai portati a compimento, a causa di impedimenti ritenuti insormontabili per il tempo.

 La natura era una volta benigna con questa terra, come ha riportato la Di Lorenzo. Dal suo fertile suolo arrivavano a Roma materie prime essenziali alla vita della città. Poi cambiò il suo corso e la condannò ad un lento ma inesorabile oblio. Sparirono città e villaggi, fonti di acque benefiche, dei quali si intravedevano, ancora al suo tempo, così afferma Fusco, meste e trascurate vestigia.

Il primo Quaderno dell’Associazione Giuseppe Aragosa, realizzato con il contributo dell’Amministrazione Comunale di Limatola, alla quale vanno i nostri cari ringraziamenti.

Il commento alle statistiche è preceduto da un quadro analitico della situazione del tempo dal punto di vista storico-sociale, elaborato dal caiatino Nicola Santacroce, esperto di storia moderna e contemporanea, autore di numerose pubblicazioni riguardanti il ricco passato della sua città natia, una volta sede feudale e vescovile, e dei paesi circostanti.

Nella ampia pagina introduttiva egli mette in luce l’opera di ammodernamento in tutti i campi, avvenuta nel Regno di Napoli, per merito dei Napoleonidi, nel cosiddetto Decennio francese, e la differenza tra i tentativi di riforma dei Borbone e quelli epocali, più incisivi ed efficaci, quali l’eversione della feudalità e dell’asse ecclesiastico, di Giuseppe Bonaparte prima e di Gioacchino Murat dopo.

Il lavoro è pubblicato grazie al mecenatismo del Sig. Gaetano Petrella, uomo retto e generoso, imprenditore zootecnico in una terra difficile, della cui amicizia si giova dai lontani anni degli studi superiori in Piedimonte d’Alife (oggi Piedimonte Matese), Nicola Santacroce, insieme ad altri ex compagni di scuola, con i quali l’ardimentoso uomo è solito rivedersi per ricordare i vecchi tempi e per qualificate analisi amicali del mondo di oggi.

Al Sig. Gaetano Petrella vanno i ringraziamenti di Lidia Di Lorenzo, di Nicola Santacroce e dell’Associazione “Giuseppe Aragosa Ars Historiae”.

Il Presidente dell’Associazione

Avv. Angela Ottavia Aragosa

Una Nuova Rubrica:

Il Diario della Quarantena

            Carissimi, mentre aspettiamo la fine del nostro isolamento e siamo in attesa di tempi migliori, vogliamo riprendere il nostro rapporto con voi, strappandovi per alcuni minuti alla martellante informazione sulle statistiche oscillanti delle vittime del virus. Preliminarmente un pensiero va ai medici e agli infermieri vittime innocenti, alle persone anziane morte senza il conforto di una carezza, ai giovani di questi tempi cresciuti fidando nel progresso, nella scienza, nella medicina e rimasti delusi.

Ogni tempo ed ogni luogo sono stati funestati da epidemie, che hanno terrorizzato e decimato la popolazione. Ne avevamo una conoscenza solo letteraria e pensavamo non ci potesse toccare mai.

La nostra missione di cultori della storia ci impone di ricercare i passi delle opere più importanti che descrivono la furia del male, nella speranza che il suo racconto, dal rapido diffondersi, al suo rapido e inspiegabile svanire, possa convincerci che fra poco esclameremo:

non è andato tutto bene, ma l’umanità ce la farà!

Come primo appuntamento, presentiamo un brano sulla peste diffusasi nel Regno di Napoli nel 1816, poco dopo la morte a Pizzo Calabro, per fucilazione da parte dei borbonici, del re Gioacchino Murat.

Il popolo ritenne la diffusione del morbo una punizione divina, tanto più che di lì a poco si verificò anche l’incendio del Teatro S. Carlo, vicinissimo alla Reggia dei Borbone. Nello stesso anno la scarsità del raccolto ridusse i più poveri alla fame, cosa che durò per due anni.

Il brano che riportiamo è tratto da Storia del Reame di Napoli dal 1734 al 1825, del patriota, storico e generale Pietro Colletta (1775-1831), che dei fatti narrati fu testimone.

   L’Associazione, nell’ambito del Progetto Adotta un Documento, pubblicherà a breve il Commento alla Memoria per la causa di Don Paolo Pasanisi di Manduria denunciato come Giacobino, a cura dell’Associazione, con l’introduzione di Lidia Di Lorenzo.

La Memoria è una carta originale del 1799, probabilmente parte della documentazione di una vicenda giudiziaria, di cui non rimangono altri scritti, ma della quale si è cercato in qualche modo di ricostruire il profilo del protagonista e il contesto storico in cui l’avvenimento si è verificato.

La carta è stata donata all’Associazione dal dott. Salvatore Malizia, analista e psicoterapeuta, con la passione per l’Antiquariato e l’Archeologia, che ha scovato il documento in un faldone di altri documenti sciolti ed eterogenei, provenienti dalla città di Manduria, e venduti insieme a libri e stampe antiche al mercato di Porta Portese.

Siamo grati al dottor Malizia di averci fatto dono di questa preziosa testimonianza storica, che ci ha consentito di confontarci direttamente con l’attività maggiore che dà senso pieno alla nostra neonata Associazione: la Ricerca, lo Studio e la Conservazione.

    Una nota su questo lavoro

   Quando abbiamo dato inizio al nostro studio sul Documento Pasanisi, abbiamo tentato di metterci in contatto con qualcuno tra gli storici di Manduria, che ci potesse guidare nella ricotruzione della vicenda, e degli eventi storici di riferimento.

Per alcuni mesi abbiamo cercato sulla rete e tutti gli studiosi manduriani, che si erano occuati del Periodo risorgimentale, abbiamo scoperto essere morti, o molto vecchi. Contattando la Biblioteca Marco Gatti, che conserva gli scritti di Michele Greco, autore, tra gli altri,  di Manduria nel Risorgimento, non abbiamo avuto più fortuna; la Biblioteca viene aperta su appuntamento e non ci sono stati forniti nominativi di persone interessate alla nostra ricerca e al nostro documento. E proprio mentre avevamo perduto ogni speranza di un felice epilogo della nostra scoperta, siamo entrati in contatto con la Dott.ssa Lucia Gatti, che, squisitamente, ci ha aperto nuovi orizzonti operativi.

Il marito della Dottoressa, Ennio Pasanisi, ci ha scritto le bellissime parole che riportiamo qui e che ci rempiono di gioia e di profonda gratitudine.

Grazie!

In qualità di membro del ramo della famiglia Pasanisi, ancora presente a Manduria e altrove, discendente da Luigi e Margherita di Aurelio di Luigi Paolo di Michele… e così via sino a Pietro Pasanisi nostro capostipite nel 1400, e agli avi che da Pasano si spostarono a Casalnuovo alla sua riedificazione ad opera dei Normanni (1090 c.a), ed anche come modesto cultore della sua storia che sempre mi incuriosisce ed appassiona, voglio porgere i miei ringraziamenti all’Associazione Culturale Giuseppe Aragosa Ars Historiae e alla gentile Professoressa Signora  Lidia Di Lorenzo.

Grazie per l’interesse e la tenacia che hanno condotto allo studio e pubblicazione di questi documenti inediti, fortunosamente ritornati a chi meglio ha saputo apprezzarli, riguardanti la vicenda che nel 1799 ha visto protagonista il “manduriano” Paolo Pasanisi Gaetani, contribuendo a metterne in luce dettagli che meglio ci fanno comprendere la portata sociale e anche famigliare del fatto.
Episodio di per minore, ma non per questo meno importante, che si va a collocare in un periodo storico, quello della Rivoluzione Napoletana, denso di grandi “fermenti e contrasti” per tutto il territorio della Terra d’Otranto e del Regno.
Mi auguro che sulle orme degli cultori manduriani della Storia Patria, altri giovani studiosi ne seguitino la “ricerca” sia in ambito storico che archeologico, in modo che le nuove generazioni, e lo dico pensando in particolare a mia figlia Carlotta Maria Vittoria, possano continuare a trovare nella Storia, comprendendo il nostro passato, l’insegnamento e, perchè no, lo stimolo per progredire nel loro futuro.
Genova 18 marzo 2019
Ennio Pasanisi
ARCHIVIO NOTIZIE HOME NOVITÀ GIUSEPPE ARAGOSAPREMIO GIUSEPPE ARAGOSA GLI ARTICOLI RECENTI LE FOTO ANTICHE DI LIMATOLA LE FOTO DEGLI ARTICOLI Photo Gallery Slideshow
PRESENTAZIONE DEL LIBRO "SOLDATI DI PACE"
CONFERENZA SUL BRIGANTAGGIO
PASSEGGIATA PAESOLOGICA
PRESENTAZIONE PREMIO GIUSEPPE ARAGOSA
PRESENTAZIONE DELL'ASSOCIAZIONE ARS HISTORIAE
LE CATEGORIE DEL SITO I TAG DELLE PAGINE DEL SITO COME TROVARCI

Indirizzo
Vita Tito Livio 2, 82030, Limatola (BN)

Telefono
0823481696

vai alla pagina dei contatti

 

 

ARCHIVIO ARTICOLI

5602795_0921_terremoto_irpinia_mattarella_40_anni
Il terremoto del 1980
di Lidia Di Lorenzo Il terremoto da noi    Una sera come tutte le altre di un tardo autunno. Temperatura mite. Ore 19.34 e pochi secondi. Chi ha già cenato, chi…
Melchiorre_Gherardini,_Piazza_di_S._Babila_durante_la_peste_del_1630
La peste del 1600
di Lucia Vitale “Scendea dalla soglia d’uno di quegli usci, e veniva verso il convoglio, una donna, il cui aspetto annunciava una giovinezza avanzata, ma non trascorsa; e vi traspariva una…
The_Triumph_of_Death_by_Pieter_Bruegel_the_Elder
La peste nera
di Lucia Vitale    Le epidemie passate e contemporanee amano la globalizzazione, vengono da lontano, percorrono lunghe distanze e omologano territori e popoli diversi. I comportamenti degli scienziati, dei governanti e…
Buonamico_Buffalmacco_001
La peste antonina
di Lucia Vitale Lago e mare, zefiro e bufera Vento intriso d’infezione e d’infinito Come diaspora nefanda il male Inspiegato insemina ogni dove. Questo è  il tempo della peste Tempo del…
Nicolas_Poussin_-_La_Peste_à_Ashdod
Il coronavirus e la peste di Tucidide
di Antonio Di Lorenzo “Sarà per me sufficiente che la mia storia sia giudicata utile  da quanti vorranno indagare la chiara e sicura realtà di ciò  che in passato è avvenuto…
locandina pontelandolfocopertina
Presentazione del libro di Giancristiano Desiderio:“Pontelandolfo 1861. Tutta un’altra storia“
   Un altro appuntamento con l’autore, la presentazione del libro di Giancristiano Desiderio. Un libro che è già un caso editoriale, un libro che rimette in discussione gli avvenimenti di una…
72699256_1214213645453071_5474522829112213504_nlibri
I libri di Pasquale Fusco e Antonella Bivacco
   L’Associazione, in collaborazione con il Comune di Limatola, continua la sua attività di promozione culturale con la presentazione dei libri di Pasquale Fusco e Antonella Bivacco, Domenica 27 Ottobre 2019,…
DSCN6464
La tabacchicoltura
di Lidia Di Lorenzo Mentre diventava sempre più una certezza che il fumo fosse dannoso per la salute, provocasse danni a tutti gli organi, al sistema circolatorio, e producesse anche il…
invito per sito
La Fotografia come Documento Storico; Seminario
Seminario    Avvicinandosi la scadenza di consegna dei lavori per il Premio Giuseppe Aragosa-Sezione Fotografia, 31 Luglio 2019, l’Associazione Giuseppe Aragosa ARS HISTORIAE organizza un incontro con professionisti della fotografia, al…

ARCHIVIO EVENTI

locandina pontelandolfocopertina
Presentazione del libro di Giancristiano Desiderio:“Pontelandolfo 1861. Tutta un’altra storia“
   Un altro appuntamento con l’autore, la presentazione del libro di Giancristiano Desiderio. Un libro che è già un caso editoriale, un…
72699256_1214213645453071_5474522829112213504_nlibri
I libri di Pasquale Fusco e Antonella Bivacco
   L’Associazione, in collaborazione con il Comune di Limatola, continua la sua attività di promozione culturale con la presentazione dei libri di…
invito per sito
La Fotografia come Documento Storico; Seminario
Seminario    Avvicinandosi la scadenza di consegna dei lavori per il Premio Giuseppe Aragosa-Sezione Fotografia, 31 Luglio 2019, l’Associazione Giuseppe Aragosa ARS…
soldati di pace invito fronte versione definitiva
Presentazione del libro di Vincenzo Rubano “Soldati di Pace“
 Con la Presentazione del libro di Vincenzo Rubano ” Soldati di Pace”, l’Associzione inaugura una nuova attività del suo Celendario di Eventi,…